Il torrente Cannavino è il più importante affluente del Savuto, da sempre le sue acque sono state considerate medicamentose per la cura dei reumatismi per cui, specie d'estate, era ed è ancor oggi meta di comitive e di gitanti.
In località Balzata, prima di confluire nel Savuto, il torrente crea una caratteristica cascata: "le cascate di Cannavina".